Deliziosi vini tra il Vallese e le terre pugliesi

e736931f-ff60-4f52-a645-b973cf2c461e.jpg
photo famille 1.jpg

Il sogno inizia nel 2002 dita su uve soleggiate.
Tra il loro vigneto Bâtiaz e la vendemmia pugliese, la loro arte viticola si sviluppa per creare i loro succulenti “Envol” (Chasselas), “Malvasia Nera”, “Vent d'ange” e “Douceur de Lily”.
Scoprirai anche "Il fiasque" - "La Sommessa Del Fiasco" e "La cuvée des Ratons" un magnifico Cornalin invecchiato in botti di rovere.
Questa piccola cantina di famiglia, animata dall'amore per la vite, merita una sosta, per deliziare le vostre papille gustative.

Batiaz.JPG
Chasselas.png

Alcuni considerano Chasselas un vitigno specificamente svizzero o almeno della regione del Lago di Ginevra.
Una cosa è certa: in nessun altro luogo Chasselas produce un vino così sottile e complesso come in Svizzera. Chasselas è il vitigno chiave per i vitigni a bacca bianca della Svizzera romanda. Chiamato Fendant in Vallese perché la sua pelle si spacca sotto le dita quando è maturo, è decollato davvero a metà del XIX secolo, sotto l'impulso delle strutture statali. È quindi il secondo vitigno più piantato dopo il Pinot Nero. Grappolo piuttosto grande che si crogiola al sole.
Precoce e vigoroso, Chasselas si adatta a una moltitudine di suoli e climi e riesce a restituire la finezza di ogni terroir oltre misura.

Temperamento:Spesso leggermente carbonico, si ottiene un vino secco e leggero, sempre giocoso e arioso, Chasselas è il vino da aperitivo per eccellenza.
 

Vestire :colore giallo chiaro, talvolta perlato
 

Temperatura di esercizio :8° -10°C
 

Grappolo :Punte di rametti rossastri. Grappolo piuttosto grande che si crogiola al sole.
 

Naso :naso sottile
 

In bocca :Il suo profilo aromatico discreto e cristallino lascia ampio spazio alle varie sfumature (floreali, fruttate, minerali) di aromi floreali;
 

Abbinamenti gourmet: Carne secca, vitello, piatti a base di formaggi (raclette vallesana AOC, fonduta), trota blu.

Malvasie Nera.png

La Malvasia è uno dei vitigni più antichi d'Europa. Importato dalla Grecia nell'VIII secolo, è probabilmente originario dell'Asia Minore
In Puglia c'è molto vino ottenuto da uvaggi con il famoso Salice salentino (85% Negroamaro-15% Malavasia nera) e talvolta è un piccolo complemento per certi primitivi, soprattutto quando l'annata non è facile.

Queste varietà amano il calore. Ecco perché stanno così bene nel sud Italia così come in quelli limitrofi. Inoltre è famoso anche in Sardegna.
Vinificazione: : avviene la vendemmia
seconda metà di settembre.

Temperamento:È molto popolare a livello locale per i suoi lati "dolci e inebrianti".

Vestire :Questo vino si presenta di un bel colore rubino con una sostenuta intensità colorante.

Temperatura di esercizio :16° - 18°C
 

Grappolo :I grappoli e gli acini sono di media grandezza. Il grappolo è conico.

Naso :Questo vino rivelerà un naso generoso con belle note di ciliegia e chiodi di garofano. La qualità del naso è molto gradevole.

In bocca :È una vera delizia. È davvero ben fatto e molto equilibrato. Ci conquistano queste note di frutti di bosco, spezie senza dimenticare un piccolo tocco di balsamico. È una bocca complessa tra il frutto, le spezie e questo piccolo lato legnoso.
Agli italiani piace fare vini non troppo tannici ma, al contrario, pieni di finezza e con un buon equilibrio.

Abbinamenti gourmet: Pianifica di servire questo vino su bella pasta italiana ma anche carni rosse e formaggi.

Cornalin.png

Di tarda maturità, capriccioso, difficile da lavorare, il Cornalin ha
fu quasi abbandonato a metà del 20° secolo. Per fortuna, la pazienza e la perseveranza di alcuni viticoltori visionari ci permettono di assaporarlo anche oggi!
In quasi 25 anni la superficie vitata dedicata a questo vitigno è decuplicata in Vallese, passando da 14 ha nel 1991 a 139 ha nel 2015.
Un successo dovuto al suo alto potenziale, paragonabile a quello dei grandi vini rossi internazionali. Cornalin ha una straordinaria forza fruttata, una giovinezza insolente, un corpo snello e insieme vinoso, tonico e molto fresco. È indiscutibilmente il più grande vino rosso vallesano, Delizioso giovane, sul frutto, si sviluppa per alcuni anni: la sua passione sommessa, assume poi una notevole patina di finezza e nobiltà.

Temperamento:Dimenticarlo in cantina darà una patina al suo carattere flessuoso e al suo corpo robusto.

Vestire :Dal fantastico colore ciliegia scuro con riflessi violacei.

Temperatura di esercizio :14°-16°C

Grappolo :grappoli medi, cilindrici, alati, compatti, peduncoli medi
forte e non lignificato.

Naso :con le sue note speziate di chiodi di garofano e note fruttate di amarena.

In bocca :corposo, con un profumo molto complesso, molto fruttato, con tannini abbastanza fini a
all'inizio poco ruvido, capace di invecchiare. Aromi di legno secco, cachou, ribes nero, amarena,
spezie dolci, eucalipto, fiori secchi, frutta candita, geranio, violacciocca, marasca,
pepe, sambuco,..

Abbinamenti gourmet: : diventa il compagno ideale di qualsiasi carne corposa, come la selvaggina.
brisolée - castagne, formaggi piccanti, pancetta e carne secca.

Joanisberg.png

Originario dell'Austria, insediato principalmente sulle rive del Reno, in Germania, è apparso nella Valle del Rodano a metà del XIX secolo.
Silvaner è il risultato di un antico incrocio naturale tra il Savagnin Blanc (Heida in Vallese, Traminer in Tirolo) e un vitigno austriaco.
Poco dopo Chasselas, in Vallese si chiama Johannisberg.
Il suo potenziale di invecchiamento e la sua complessità sono inauditi e questo oltre i vent'anni! Il Johannisberg è menzionato in Vallese
per la prima volta nel 1862. Quindi designa Riesling. Il suo nome deriva sicuramente dal castello di Johannisberg in Mosella, la più antica tenuta Rieslinq del mondo. Blanc du Rhin apparve contemporaneamente e corrispondeva a Silvaner. Ma già nel 1928, l'uso corrente inverte i dati e questi due bianchi si scambiano le identità. Il
gli specialisti ne sono offesi ma sono costretti a rispettare la pratica.

Temperamento:Dà vini ricchi e corposi, caratterizzati da note di mandorla e una leggera amarezza finale, spesso accompagnata da un pizzico di dolcezza.

Vestire :colore giallo dorato.

Temperatura di esercizio :9-11°C

Grappolo :: Più tardi del Chasselas, il Sylvaner si distingue per il suo
bocciolo verde-giallastro e la sua foglia tonda. Le qrappe, di media grandezza,
compatto, ha chicchi tondi, verdi, punteggiati di marrone.

Naso :note di fiori su uno sfondo di frutti di frutteto e mandorle.

In bocca :presenta una bella vinosità oltre che una sostanza voluttuosa.

Abbinamenti gourmet: Si abbina egregiamente ad asparagi, formaggi e pesce ed è un ottimo vino da aperitivo.

CHASSELAS.JPG

Chasselas
"L'Envol"

MALVASIA NERA.JPG

Malvasia Nera
"Il Risueglio"

Capture d’écran 2022-08-24 à 14.35.59.png

Rosé de Pinot
"l'Entre-deux"

DOUCEUR DE LILY.JPG

Sylvaner
"La douceur de Lily "

Et encore... À découvrir

Pinot noir et Syrah :   « L’arc-en-ciel »

Sangiovese :               « Cuore »

Gamaret :                   « Vent d’ange » ...

Mais aussi... Magnum, Jéroboam... personnalisés à votre nom ou votre évènement pour un souvenir impérissable.

APERO A LA CAVE.JPG
apéro.jpg
Capture d’écran 2022-08-24 à 15.17.25.png
Capture_logo complet 2.JPG